Per la prima volta l’associazione Feedback organizza una serie di talk dedicati al mondo della fotografia. Fotografi professionisti, critici ed esperti saranno nostri ospiti per raccontarci le loro esperienze, per parlare del ruolo della fotografia nella loro professione, e per mostrare i propri lavori più significativi. Sono in calendario otto serate con cadenza mensile; gli incontri si svolgeranno presso la Videoteca Vigor del Comune di Ferrara, in via Gaetano Previati 18, a partire dalle ore 20.45. La partecipazione è gratuita per tutti i soci Feedback.

I primi due incontri di ottobre e novembre hanno già un programma definitivo; gli incontri successivi sono in via di definizione, quindi è per il momento indicato l’autore presente e l’argomento della serata.

Calendario degli incontri

Mercoledì 18 ottobre 2017  Eleonora Marchini – Fotografia maternity e Newborn

Chi è Eleonora Marchini
Vivo nella provincia di Ferrara, classe 1980, mamma di due bimbe,Carlotta e Clara,e se oggi sono una fotografa è perché un giorno ho scelto di seguire il mio istinto. Dopo una forte delusione lavorativa mi iscrissi al mio primo corso di fotografia  quando ancora allattavo la piccola. Un bravissimo marito,si occupava delle bimbe, mentre io cercavo di capirci qualcosa tra tempi e diaframmi. Dopo qualche corso di base, corsi di storia della fotografia e analogico, nella mia città, mi iscrissi alla Shoot Institute di Bologna per intraprendere un percorso formativo che mi preparasse in maniera più approfondita al mondo del lavoro.Nell’aprile del 2013 aprii la mia attività. Ricordo l’emozione di quel giorno come fosse ieri. Il bisogno di trovare una fotografia che mi rappresentasse fino in fondo fu, fin da subito, fortissimo.Dirottai quindi tutte le mie emozioni verso una fotografia spontanea, che potesse regalare, alle persone comuni, gioia.. fotografando, e fermando così il tempo per loro, in quegli avvenimenti importanti e unici delle loro vite.Amo le fotografie stampate, da sempre. Probabilmente quello che mi ha sempre e inconsciamente legato alla fotografia è proprio questo incredibile potere di fermare un attimo e trasferirlo su qualcosa che possiamo toccare per sempre. La carta porosa tra le dita, gli angoli lesi da mani che chissà quante volte le hanno sfogliate nel tempo, l’odore di polvere e ricordi, dettagli da imparare a memoria, le emozioni.Questi sono dei bellissimi ricordi della mia infanzia.
Sito Web: www.eleonoramarchini.com


Mercoledì 22 novembre 2017 Roberto Roda – Il fotoromanzo
GIALLI, NERI E SEXY. IL FOTOROMANZO NON SENTIMENTALE FRA BIZZARRO POPOLARE, RIVOLUZIONE SESSUALE, CONCETTUALITA’ ARTISTICA E FINALITA’ EDUCATIONAL.
60 ANNI DI SPERIMENTAZIONI CON LA FOTOGRAFIA “NARRATIVA” Dal Groupe Panique ad Ado Kirou, da Paolo Baratella a Bruno Vidoni, da Killing a Martin Mystère.

Chi è Roberto Roda
Roberto Roda, etnografo, fotografo e storico della fotografia è nato a Ferrara nel 1953. Dal 1982 cura le attività espositive e di ricerca del Centro Etnografico del Comune di Ferrara, dal 1999 coordina anche l’Osservatorio Nazionale sulla Fotografia. E’ autore e curatore di numerose pubblicazioni di storia della fotografia e di antropologia visuale. Come fotografo opera sia sul versante della documentazione dei beni etnoantropologici e del territorio sia nella sperimentazione artistica. Sue mostre sono state ospitate da musi e gallerie d’arte in Italia e all’estero.


Mercoledì 13 dicembre 2017 Filippo Venturi – FOTOGIORNALISMO Essere testimoni della realtà

Chi è Filippo Venturi
Filippo Venturi (Cesena, 1980) è un fotografo documentarista italiano che lavora a lavori commissionati editoriali, aziendali e commerciali. Si dedica inoltre a progetti artistici e personali su temi, storie e problematiche che ritiene interessanti da approfondire. I suoi reportage sono stati pubblicati su diversi magazine e quotidiani come The Washington Post, Financial Times, Vanity Fair, Die Zeit, Internazionale, La Stampa, Geo, Marie Claire, Gente, D di Repubblica, Io Donna / Corriere della Sera.Nel 2015 ha realizzato il progetto “Made in Korea”, sulla Corea del Sud, che è stato esposto al Centro Italiano della Fotografia d’Autore di Bibbiena, al Foro Boario di Modena come “Nuovo Talento” di Fondazione Fotografia Modena, al MACRO – Museo d’Arte Contemporanea di Roma nell’ambito della selezione “Emerging Talents” e alla Somerset House di Londra a seguito del premio ricevuto ai Sony World Photography Awards. Nel 2017 è stato inviato da Vanity Fair in Corea del Nord, dove ha realizzato il reportage “Korean Dream”, completando così il suo progetto sulla penisola coreana.

Sito web: www.filippoventuri.it


Mercoledì 17 gennaio 2018 Riccardo Musacchi – La Fototerapia psicocorporea: fotografie ed espansione della consapevolezza

La FotoTerapia psicocorporea, strutturata da Riccardo Musacchi, è un insieme di tecniche terapeutiche che si avvale dell’uso delle fotografie o delle immagini congiuntamente al lavoro di connessione al livello corporeo. Le fotografie permettono a ricordi e sensazioni di affiorare alla consapevolezza e il lavoro terapeutico con il corpo permette di elaborare al meglio i vissuti emersi dalle immagini, sempre con rispetto e all’interno della finestra di tolleranza della persona. La FotoTerapia psicocorporea aggiunge una grande attenzione al corpo e alle sensazioni che emergono guardando le immagini. In questo approccio una persona può ricevere ad esempio contatto fisico di sostegno durante l’espressione di emozioni forti o aiutata con il semplice tocco di una mano a catalizzare vissuti che non sarebbero emersi se fosse stata lasciata sola nel suo “guscio” protettivo. L’assunto di fondo, che deriva dagli studi neuroscientifici degli ultimi anni e dalle teorie della Biosistemica, è che “noi siamo corpo”. Non possiamo permetterci di ignorare questo fatto. Davanti alle immagini il nostro corpo reagisce, aumenta il respiro, blocca il respiro, diventa teso, impallidisce o arrossisce, distoglie lo sguardo. In presenza di  un professionista di fiducia che aiuta con estremo rispetto a stare in contatto con queste modificazioni e aiuta a esplorarle, esse si trasformano in comunicazioni chiare con noi stessi e con gli altri, stimolano un’espressione più spontanea di sé.

Chi è Riccardo Musacchi
Riccardo Musacchi, psicologo e psicoterapeuta con formazione in psicoterapie brevi, in psicoterapia Biosistemica e in EMDR. Docente della Scuola Italiana di psicoterapia Biosistemica. Svolge attività privata di psicoterapia con adulti e coppie; formatore e supervisore in psicoterapia corporea Biosistemica e educatore in FotoTerapia in vari istituti in Italia e in Brasile, autore del libro “FotoTerapia psicocorporea” edito da FrancoAngeli nel 2016.
Sito Web: www.riccardomusacchi.it


Mercoledì 14 febbraio 2018 Roberto Roda – I metodi dell’etnografia
I METODI DELL’ ETNOFOTOGRAFIA. Come documentare le feste, i rituali sociali e il lavoro Come fotografare gli “informatori etnografici” : il ritratto come intervista visiva

Chi è Roberto Roda
Roberto Roda, etnografo, fotografo e storico della fotografia è nato a Ferrara nel 1953. Dal 1982 cura le attività espositive e di ricerca del Centro Etnografico del Comune di Ferrara, dal 1999 coordina anche l’Osservatorio Nazionale sulla Fotografia. E’ autore e curatore di numerose pubblicazioni di storia della fotografia e di antropologia visuale. Come fotografo opera sia sul versante della documentazione dei beni etnoantropologici e del territorio sia nella sperimentazione artistica. Sue mostre sono state ospitate da musi e gallerie d’arte in Italia e all’estero.


Mercoledì 14 marzo 2018 Alex Liverani e Matteo Sigolo – La Street Photography


Mercoledì 11 aprile 2018 Michele Smargiassi – “Un’autentica bugia. La fotografia, il falso, il vero”

Chi è Michele Smargiassi
Michele Smargiassi nasce a Dovadola nel 1957. Racconta che “Il suo babbo Alberto, cancelliere di pretura, possedeva una Voigtländer con mirino a traguardo che gli lasciava usare con cautela, ed era forse l’unico in paese ad avere anche una cinepresa 8 millimetri: da lui ha avuto il gusto di ‘guardare le figure’. La mamma Miranda, insegnante di scuola media, non ha mai lasciato gli scaffali di casa vuoti di libri: da lei ha avuto il gusto di ‘leggere le storie’. A Modena, la città in cui si è trasferito, ha fatto pian piano sposare queste due vocazioni”. Si laurea in Storia Contemporanea all’Università di Bologna con una tesi sulle trasformazioni urbanistiche di Modena a cavallo del Novecento, viste attraverso l’occhio della cartolina illustrata. Giornalista prima a l’Unità, dal 1989 a la Repubblica. Si occupa di società e cultura. Oltre a testi per mostre, cataloghi, riviste e volumi collettivi, prefazioni e postfazioni, articoli per riviste specializzate e culturali, ha scritto svariati libri tra cui: “Un’autentica bugia. La fotografia, il vero, il falso.” (Contrasto, 2009); il saggio “La famiglia foto-genica” per gli Annali della Storia d’Italia (Einaudi, 2004); presso DeriveApprodi è uscito nel 2015, nella raccolta “Etica e fotografia” a cura di Raffaella Perna e Ilaria Schiaffini, il suo saggio “Bugie dell’elocutio”. Di recente ha scritto una prefazione a un libro che teneva a far conoscere in Italia, “L’immagine condivisa” di André Gunthert (Contrasto, 2016), e una postfazione al libro di Simona Guerra “Il bambino di Scanno” (Postcart, 2016) dedicato a una celeberrima fotografia di Mario Giacomelli. Fa parte del comitato scientifico del Centro italiano per la fotografia d’autore di Bibbiena e del comitato scientifico della Fondazione Nino Migliori. Tiene da anni il noto blog Fotocrazia in cui affronta temi etici legati alla fotografia, fotografia e internet, manipolazioni digitali. Afferma di fare il giornalista con sua grande sorpresa, che era poi il suo sogno da bambino; mentre adesso che è giornalista, a volte di mestiere vorrebbe fare il bambino.
Sito web: http://smargiassi-michele.blogautore.repubblica.it/


mercoledì 23 maggio 2018 Loris Savino – Il fotoreportage